giovedì 22 gennaio 2015

PANE CON PASTA DI RIPORTO senza glutine

La magia della pasta di riporto... Dirò la verità, sono partita molto scettica con questo nuovo impasto... e invece devo ricredermi! Tanta la gioia e la soddisfazione per aver sfornato un filone dall'aspetto eccellente, che ho deciso subito di condividerla qui sul blog! Questa sera farò alcune foto dell'interno del pane, sono curiosissima! Infatti, questa mattina, ho avuto solo il tempo di cuocerlo e scattare un paio di foto, ed era già l'ora di andare a lavoro... di certo non potevo affettarlo, era troppo caldo!

Ingredienti (ricetta di Uncuoredifarinasenzaglutine)
150-160 gr di pasta di riporto * * * Nella preparazione spiegherò tutto!
380 gr di acqua tiepida
260 gr di Mix Nutrifree per pane
20 gr di Mix Brot Schar
140 gr di Glutafin
80 gr di Farmo Fibrepan
1 cucchiaino di zucchero
1 + 1/2 cucchiaino di sale
20 gr d'olio
q.b. di farina di riso e mais finissime (certificate senza glutine)
olio per ungere la ciotola

Strumenti
ciotola per impastare
ciotola capiente per la lievitazione
mixer con fruste a gancio
cucchiaio
spatola
pellicola trasparente
carta forno
pietra refrattaria

Preparazione
* * * La pasta di riporto è una porzione di impasto lievitato preso dalla precedente lavorazione del pane. Conferisce al nuovo pane un gusto e un profumo più intenso, è più digeribile, dura più giorni e in cottura ha una notevole lievitazione. Detto ciò, è chiaro che dobbiamo prima di tutto preparare un impasto per il pane e farlo lievitare bene. Si può, ad esempio, preparare questa ricetta, ed aspettare che il pane lieviti. Quando l'impasto è pronto per essere infornato, solo a questo punto, preleviamo un pezzo d'impasto dalla pagnotta intera. Deve pesare 150-160 gr. Lo mettiamo in una ciotolina o una tazza, copriamo il contenitore con la pellicola trasparente e lasciamo riposare la pasta di riporto in frigo per almeno 2 giorni, fino ad un massimo di 8-10 giorni. Proseguiamo con la cottura del pane che avevamo impastato, mentre, per fare il pane con la pasta di riporto, dovranno passare, appunto almeno due giorni.
Trascorsi i giorni di riposo per la pasta di riporto, (la mia pasta è stata 4 giorni in frigorifero) è possibile fare il pane utilizzando questa pasta fermentata al posto del  lievito. Prendiamo la pasta dal frigo e lasciamo che ritorni a temperatura ambiente per almeno 30 minuti-1 ora. Poi, mettiamo questa pasta nella ciotola dove impasteremo il pane. Versiamo su di essa l'acqua tiepida e lo zucchero. Mescoliamo con un cucchiaio fino a far sciogliere del tutto la pasta di riporto. Solo a questo punto possiamo aggiungere le farine e lavorare l'impasto con il mixer dalle fruste a spirale. Una volta ottenuto un impasto omogeneo, versiamo l'olio e aggiungiamo il sale. Lavoriamo nuovamente la pasta con il mixer. Ungiamo una grande ciotola, fondo e bordi. Adagiamo l'impasto, copriamo la ciotola con la pellicola trasparente e lasciamo lievitare. Io ho preparato il pane all'ora di cena: alle 21:00 ho messo la ciotola con l'impasto nel forno con la lucina accesa (per creare un bel calduccio) e ho fatto lievitare fino alle 6:00 del mattino seguente. Se l'impasto non ha avuto una lievitazione eclatante, non c'è problema, lieviterà in cottura.


A questo punto, togliamo la ciotola dal forno, mettiamo la pietra refrattaria nella parte più bassa del forno e accendiamo a 250°C statico. Raggiunta la temperatura, poniamo sul piano di lavoro un foglio di carta forno sul quale spargeremo della farina di riso e di mais. Con delicatezza, utilizzando una spatolina, poggiamo il pane sulla carta da forno infarinata, capovolgendo la stessa ciotola per facilitare l'uscita dell'impasto.


A questo punto potete decidere di prelevare un pezzetto d'impasto (150-160 gr.) per continuare ad avere una dose di pasta di riporto (che va comunque conservata e fatta riposare almeno due giorni in frigorifero prima di poter essere utilizzata, come ho scritto qui sopra). Altrimenti, si procede con la cottura. Con le mani infarinate, diamo alla pagnotta una forma allungata, senza strapazzare né appiattire l'impasto. Infariniamo la superficie del pane con farina di riso e mais.


Inforniamo il pane, con tutta la carta forno, appoggiandolo sulla pietra refrattaria. Cuociamo per circa 20-25 minuti. A metà cottura, controlliamo il colorito del pane: se vedete che si scurisce in fretta, abbassate la temperatura a 220-200°C, prolungando un pochino il tempo di cottura. Il pane è pronto per essere sfornato quando presenta un bel colore marroncino e se "suona vuoto" picchiettando sulla crosta. Sforniamo e lasciamo raffreddare completamente su una gratella.



Alla prossima ricetta!!! :-)

Nessun commento:

Posta un commento