lunedì 26 novembre 2012

PASTIERA NAPOLETANA senza glutine

La pastiera napoletana è un dolce ricco e sostanzioso. Le sue origini sono antichissime: si preparava già nei culti pagani per festeggiare l'arrivo della primavera. La pastiera napoletana prevede un ripieno di grano cotto, ma tuttora alcune signore partenopee continuano a prepararla nella versione originale: utilizzando gli spaghetti cotti al posto del grano.

Vediamo come si prepara la pastiera napoletana:

Ingredienti per la pasta frolla:
110 gr di amido di mais (senza glutine)
110 gr di farina di riso (senza glutine)
30 gr di fecola di patate (senza glutine)
1 uovo + 1 tuorlo
125 gr di burro freddo
100 gr di zucchero
1 bustina di vanillina (senza glutine)

Ingredienti per il ripieno:
500 gr di ricotta
350 gr di zucchero
70 gr di grano saraceno da cuocere (senza glutine)
(oppure 250 gr di grano saraceno già cotto)
200 ml di latte
40 gr di burro
1 fialetta di aroma mille fiori (senza glutine)
50 gr di arancia candita (senza glutine)
50 gr di cedro candito (senza glutine)
buccia grattugiata di un limone
1 bustina di vanillina (senza glutine)
2 uova intere + 2 tuorli
1 tuorlo
zucchero al velo q.b. (senza glutine)

Preparate la pasta frolla: nel boccale di un mixer munito di lame inserite le farine, lo zucchero, la vanillina e il burro freddo tagliato a cubetti. Azionate il mixer fino ad ottenere un composto sabbioso. Trasferite questo composto su una spianatoia e lavoratelo a mano dopo aver aggiunto l'uovo intero e il tuorlo. Una volta ottenuta una pasta omogenea copritela con della pellicola e lasciatela riposare in frigorifero per almeno 30 minuti. A parte, in una ciotola amalgamate con un cucchiaio di legno la ricotta, lo zucchero, 2 uova, 2 tuorli e la fialetta di mille fiori. Mescolate fino ad ottenere una crema liscia e senza grumi.
Cuocete il grano saraceno in acqua bollente per 15 minuti; poi scolatelo.
In una pentola versate il latte, il burro, la buccia di un limone grattugiato e il grano saraceno già cotto. Fate cuocere a fuoco moderato fino ad ottenere una crema. Spegnete il fuoco e fate intiepidire. Intanto riprendete la pasta frolla e stendetela con il matterello ad uno spessore di 2-3 mm. Ricoprite con la pasta frolla il fondo  e i bordi di stampo (preferibilmente a cerchio apribile) precedentemente imburrato. Lasciate da parte un po' di pasta frolla che servirà per la griglia decorativa. A questo punto amalgamate il composto di grano saraceno ormai tiepido alla crema di ricotta. Mescolate e aggiungete i canditi ridotti a cubetti molto piccoli. Versate il ripieno nella tortiera. Livellate i bordi con i rebbi di una forchetta. Adagiate sopra il ripieno delle striscioline di pasta frolla in modo da formare una griglia. Infine spennellatele delicatamente con un tuorlo sbattuto. Infornate la pastiera in forno preriscaldato a 200°C e cuocete per 50-60 minuti. Una volta cotta sfornatela e lasciatela raffreddare completamente prima di aprire la tortiera. Servitela ben fredda (è più buona  il giorno dopo) spolverizzando la pastiera con dello zucchero al velo.

Esistono molte versioni della pastiera napoletana. In alcune preparazioni, ad esempio, si sostituiscono i canditi con le gocce di cioccolato.

18 commenti:

  1. Micooool! Anche la pastieraaa! Sei il mio mito tesoro!! :D La devo fare, assolutamente! Un abbraccio con tanto bene e un felice pomeriggio. E' bellissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely!! Sei gentilissima!! :-)
      buon pomeriggio anche a te!!

      Elimina
  2. Ciao Micol :) Non ho molta dimestichezza con questo tipo di dolci, ma prima o poi dovrò provare la pastiera, mi sembra davvero ottima!!! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è la mia prima pastiera... e, dato l'ottimo risultato, la rifarò sicuramente!! :)

      Elimina
  3. Mi piace tantissimo, solitamente la mangio a Pasqua, salvo la tua ricetta mi sembra particolarmente buona. Ciao.

    RispondiElimina
  4. Che buona! Salvo anch'io la ricetta!
    alice

    RispondiElimina
  5. Grande! Sai che volevo cimentarmi pure io nella pastiera? Chissà! Magari un giiorno ... Baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il procedimento è un po' lungo ma tu sei così brava.. verrà un capolavoro anche a te, vedrai! :)

      Elimina
  6. Micolina...ma che bontà!!! sai che non l'ho mai fatta?? non sapevo la storia degli spaghetti ;-) strabrava!!! bacetti :-X

    RispondiElimina
  7. Ciao Micol, se la vede ello!!! Lui va matto per la pastiera (anch'io ma resisto ;-) )Felice giornata a te ♥

    RispondiElimina
  8. Adoro la pastiera e questa tua versione è stupenda, complimenti tesorino sei troppo brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesorino grazie!!!
      Fabietto ha gradito questo nuovo dolce! :)

      Elimina